Giostra europea insufficiente. E’ da rivedere per Confesercenti,

Sulmona (Aq). “Siamo fin d’ora pronti a contribuire ad un Progetto che valorizzi sempre di più la Giostra Cavalleresca” dichiara Pietro Leonarduzzi, vice presidente della Confesercenti, attento e appassionato del mondo delle rievocazioni storiche.

Il vice di Confesercenti critica la Giostra che mostra segni di disorganizzazione in un contesto più ampio della città: “Anche se la Giostra Cavalleresca di Sulmona piace, coinvolge e assicura un ritorno economico all’intera Città – continua Leonarduzzi – per la Giostra d’Europa non si può dire altrettanto! Pochi spettatori, qualche curioso, ristoranti deserti  e poco entusiasmante lo spettacolo. Il Progetto Giostra Europea è da rivedere sostanzialmente”. Il vice Presidente di Confesercenti rimarca con forza anche il danno alle imprese per il prolungarsi dell’evento. “Non si può montare una scenografia del genere, campo e tribune per quindici giorni e utilizzarla solo per tre giorni di gara – insiste Pietro Leonarduzzi – Così non si fa altro che boicottare e danneggiare le attività commerciali della Città, sia a posto fisso che ambulanti. Se dovessimo dare un voto, daremmo un bel 9 alla Giostra di Sulmona e un 4 rosso per la Giostra Europea”.