Santa Rufina

Fermata Santa Rufina: Arrestato un suo conoscente, un certo Italo

Sulmona (Aq). Il rischio è che la vecchia stazione del capoluogo Peligno sia tagliata fuori dal circuito regionale del trasporto su rotaia soprattutto con la bretella ferroviaria in corso d’opera.

Santa Rufina Caricatura ispirata a Mario Pizzola 2018
Rufina, La Santa protettrice della Fermata Peligna

Dopo non poche peripezie il sindaco, Annamaria Casini, riesce a prendere contatto con l’amministratore delegato (Ad, sigla in francese Dg, in inglese Ceo) di Rete ferroviaria italiana (Rfi in breve), Maurizio Gentile, sulmonese di nome e di fatto. Così la sindaca  strappa al dirigente la promessa di incontrare a Sulmona i concittadini e l’Ad di Rfi aggiunge: (tvb) “Sarà ripristinata una bretella pre-esistente, realizzata quando sono state costruite le ferrovie abruzzesi (fine ‘800), attivata, ma subito dismessa, lunga un po’ più di 600 metri e di collegamento della provincie dell’Aquila e di Pescara che oggi è garantito per le line Pescara-L’Aquila e Sulmona-Teramo attraverso la stazione di Sulmona, per questo, stazione di testa –chiarisce Gentile, di nome e di fatto – La bretella è poco più lunga di 600 metri a binario unico elettrificato. É prevista la nuova fermata Sulmona-San Rufina, con parcheggio adiacente di 2 mila 700 m² da collegare con sottopasso di 69 metri alla rete viaria della città. Sono previsti 900 giorni di lavoro per la bretella” quasi 3 anni per chi non ha tempo di contare.  Ditte e aziende lavoreranno e i cantieri aperti garantiranno occupazione e reddito. Gli instancabili fatigatori sulmonesi non aspettavano altro. “É un intervento di poco meno di un milione di euro per le rotaie, gli altri 9 milioni di euro per il resto, meglio chiarire:  servizi e la riqualificazione dell’area”.