Aquila pallida all'alba oltre le frontiere Ultimafrontiera,net 2018

L’Aquila oltre le Frontiere: il Congresso del Pd aquilano Allarma le Tribù al Confine

L’Aquila. Forse ispirandosi al blog di satira Ultimafrontiera.net e non solo allo storico presidente degli Usa, il segretario del Piddì del capoluogo di regione, Stefano Albano, titola il congresso programmato sabato con parole che sembrano minacciose: L’Aquila oltre le frontiere. Si agitano così dall’entroterra abruzzese, i primi segnali di fumo vengono segnalati proprio dalla valle. Le parole del testo riecheggiano nei territori e incutono terrore e sgomento tra i popoli del  canyon, monte Morrone.

Aquila pallida all'alba oltre le frontiere Ultimafrontiera,net 2018Per un errore di traduzione, un equivoco, il testo che annuncia il congresso all’Aquila è stato interpretato è così frainteso: “Alba di sabato, L’Aquila pallida oltre frontiere, duro confronto“. L’impropria traduzione nella lingua indigena, voluta appositamente dai sobillatori locali, all’ombra del Piddì, ha generato grande ansia oltre i  confini delle mura aquilane. Allarmate, le tribù Peligne e Marsicane  hanno organizzato danze e veglie di preghiera al grande spirito accumulando legna per i falò  e ronde notturne. Persuase, in un primo momento, che per Albano il Piddì aquilano intendesse un’altra località di Roma finita nei rifiuti, da soccorrere scaricando ancora negli impianti di Sulmona e Aielli, le tribù della colonia hanno poi superato l’equivoco, ma non l’errore, grazie agli interpreti ufficiali del Regno aquilano: “Albano è semplicemente il segretario uscente e rientrante del Piddì aquilano” avrebbero detto. Così le tribù dell’entroterra non hanno perso tempo a dichiarare guerra al Grande Capo aquilano, un certo Kennedy che dal 1960 ispira i titoli dei congressi Pd ad Albano. I più facinorosi hanno minacciano di attaccare l’Aquila al grido di battaglia: #NoAlbano Sì Romina  .. Augh!

mariatrozzi77@gmail.com