Jamm'mò la rivolta nel centro sociali anziani Ultimafrontiera.net 7.2.2018

La Rivolta. Il Centro Sociale Anziani si prepara a festeggiare Jamm’mò

(Satira) Venti di guerra al Centro sociale anziani e, con un po’ di ritardo sulla tabella di marcia, fervono i preparativi per il 61esimio anno dai moti rivoluzionari del 2 e 3 febbraio 1957. Per festeggiare degnamente Jamm’mò al Circolo anziani si pone innanzi il caso elezioni che sta diventando una questione di Stato.

A mediare tra le 2 fazioni in conflitto è stato chiamato un pacificatore d’eccezione, Mariella Iommi, vice sindaco e assessore alle politiche sociali. Qualche anziano minaccia di arrampicarsi sul tetto per tirare qualche tegola, fortuna che l’ausilio del carrellino gli impedisce la temeraria impresa. La tensione di lunga data s’è acuita dalle elezioni del 16 novembre. Le schede non sarebbero state vidimate, parte degli elettori non avrebbe avuto diritto di voto, denunciano i componenti del neoeletto comitato di gestione che ha presentato un esposto per contestare la regolarità delle elezioni svolte 3 mesi fa al Centro sociale anziani. Riconfermato alla carica di presidente Giacomo Spinosa che fa incetta di voti e dall’altra parte della barricata, nel gruppo di maggioranza capitanato anche dal prode presidente della commissione elettorale, Fidio Bianchi, risponde alle accuse: “Non c’è stata alcuna irregolarità, tutto si è svolto nel rispetto del regolamento e alla luce del sole”. Ad evitare il colpo di Stato c’è Mariella Iommi che ha incaricato gli uffici comunali di vederci chiaro per garantire una tregua duratura ai gruppi belligeranti.

mariatrozzi77@gmail.com

Jamm'mò la rivolta nel centro sociali anziani Ultimafrontiera.net 7.2.2018